24/03/2020
Circolare interpretativa del Viminale sulle nuove limitazioni.
Circolare interpretativa del Viminale sulle nuove limitazioni.


Con una circolare inviata ai prefetti e ai capi delle forze dell'ordine e dell'Esercito, il capo di gabinetto del ministero dell'Interno chiarisce alcuni interrogativi che erano sorti dopo l'entrata in vigore dell'ultimo Dpcm 22/03/2020, che vieta gli spostamenti da un Comune all'altro se non per comprovate esigenze di lavoro, motivi di salute o di estrema urgenza. La circolare chiarisce che rimangono consentiti i movimenti che rivestano carattere di quotidianità o comunque siano effettuati abitualmente in ragione della brevità delle distanze da percorrere. Rientrano in tale casistica - spiega la circolare - gli spostamenti per esigenze lavorative in mancanza, nel luogo di lavoro, di una dimora alternativa a quella abituale o gli spostamenti per l'approvigionamento di generi alimentari nel caso in cui il punto vendita più vicino o accessibile alla propria abitazione sia ubicato nel territorio di altro Comune. In allegato la circolare del Ministero dell'Interno.